Il Signore è con te

Nel tempo di AVVENTO di quest’anno la solennità dell’IMMACOLATA prende il posto della seconda domenica. Tuttavia non ci discostiamo di molto dalla proposta liturgica:

riflettere sull’incarnazione del Verbo grazie all’iniziativa divina e al sì di Maria è occasione complementare di preparazione al Natale.

In particolare, sottolineare nella Messa la centralità dell’ascolto della Parola ci mette in sintonia con la docilità e la prontezza con cui Maria pronuncia il suo sì.

Sappiamo bene come la disponibilità ad ascoltare Dio che ci parla non va separata dall’impegno ad ascoltare i fratelli, a cominciare dai più poveri.

In questo spirito vogliamo vivere il segno di condivisione proposto in questa domenica: la raccolta di materiale per l’igiene personale per le detenute che scontano la pena nel carcere “don Bosco” di Pisa.

PER RIFLETTERE E PREGARE IN FAMIGLIA

Nella Liturgia della solennità di Maria Immacolata, il racconto della GENESI (3, 9-15) mette Adamo ed Eva a confronto con Dio. Non hanno ceduto alla tentazione di poter essere “come Dio” e si nascondono per sfuggire alla sua presenza. Ma ben altra è l’intenzione del Signore: mettere inimicizia tra la discendenza del serpente e quella della donna. È l’inizio dell’attesa dei tempi messianici; la lettura cristiana del testo scorge nelle parole della Genesi il “protovangelo”, sarà il Figlio di Maria a schiacciare la testa del serpente: cioè la sconfitta del peccato e il compiersi del disegno della salvezza.

Quali sono le circostanze o le occasioni in cui le nostre scelte non si conformano al comandamento dell’amore?

Subiamo la tentazione di “essere come Dio”, facendoci arbitri o decisori di ciò che è bene e ciò che è male?

Occorre diventare capaci di prendere le distanze da tutto ciò che nella mentalità corrente e negli strumenti di comunicazione (inclusi i “social”) diffonde cattiveria, superficialità, sospetto, invidia, ostilità… Parliamone in famiglia, proviamo a fare qualche esempio e a prenderci qualche impegno, p. es. un uso moderato di cellulari e smartphone…

PREGHIERE PER L’INIZIO DEL PRANZO O DELLA CENA

Dio nostro Padre:

il tuo Figlio Gesù ha promesso

di invitare alla sua tavola

il servo fedele.

Concedi a noi

di essere sempre vigilanti

per attendere il suo ritorno,

e di ricevere con riconoscenza

questi doni della tua bontà.

Per Cristo nostro Signore.

Amen.

 

Sii benedetto, Dio nostro Padre,

che rigeneri la nostra vita

con l’abbondanza dei tuoi doni.

Fa’ che i nostri cuori

siano aperti ai piccoli,

ai poveri, agli sfortunati

di questo mondo

affinché riconosciamo in loro

Colui che per noi si fece povero,

Gesù Cristo nostro Signore. Amen.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*